condividi questa pagina
Condividi su Linkedin
Condividi su Google plus
Condividi su Twitter
Condividi su Facebook

Visti e legalizzazioni

...pagina in corso di aggiornamento...

I contenuti di questa pagina sono in corso di aggiornamento a seguito dell'emanazione della Circolare n. 62321 del 18 marzo 2019 del Ministero dello Sviluppo Economico

Riportiamo i principali visti e le richieste di legalizzazione.

Questi servizi sono rilasciati SOLO su APPUNTAMENTO da prenotare alla pagina > PRENOTA IL TUO APPUNTAMENTO

Cos'è
Il visto per la conformità della firma attesta che la firma apposta corrisponde a quella depositata in Camera di Commercio.
Per ottenere il visto è necessario presentare alla Camera di Commercio due originali dei documenti da vistare, firmati in originale dal legale rappresentante dell’impresa.

L’Ufficio confronterà la firma apposta sui documenti da valere per l’estero con quella depositata in atti e, se vi è corrispondenza, apporrà il visto di conformità.
Tale visto non ha valore di un’autentica della firma.

La Camera di Commercio non può vistare documenti contenenti menzioni discriminatorie.
Va precisato inoltre che la Camera di Commercio non visterà, senza contestuale rilascio del certificato di origine, fatture di vendita al cliente estero che contengano menzione dell'origine delle merci.
Per “origine delle merci” si intende “origine non preferenziale” o “made in” o genericamente “paese di origine”.
Può invece essere vistata la fattura che menzioni l'origine preferenziale.

Come fare
Si deve depositare presso la Camera di Commercio di Vicenza la firma del legale rappresentante dell'impresa, utilizzando il modulo "Deposito firma per atti a valere per l'estero", scaribale nella sezione Documenti e link utili.
In seguito chiunque potrà presentare due originali del documento e ottenere il visto di conformità.
Una copia viene trattenuta dalla Camera di Commercio.

Questo timbro si può apporre soltanto nelle richieste di visti presentate allo sportello.
Infatti solo in questi casi i documenti sono stampati dall'impresa e riportano la firma autografa del legale rappresentante/procuratore.

Costi
€ 3 diritti di segreteria.

Cos'è
E' un timbro che può essere apposto dalla Camera di Commercio su contratti, lettere di autorizzazione ed altri documenti per l’estero. Esso attesta che il soggetto nominato ha i poteri risultanti dal Registro Imprese.

Come fare
Scaricare dalla sezione Documenti e link utili il modulo “Istanza poteri di firma”, stamparlo, compilarlo, firmarlo e portarlo allo sportello con due originali del documento da vistare.
Una copia viene trattenuta dalla Camera di Commercio.

Tempi
Viene rilasciato allo sportello dopo che l'Ufficio ha verificato la possibilità di vidimazione del documento.

Costi
€ 3 diritti di segreteria.

Cos'è
Il visto di deposito è apposto, su richiesta delle imprese esportatrici, su atti di organismi o Enti pubblici o equiparati quali certificati sanitari, certificazioni di qualità, autorizzazioni etc..
Per il rilascio del suddetto visto è necessario presentare due originali del documento da vistare.
Uno sarà trattenuto dalla Camera di Commercio.
Esso inoltre è apposto in caso di richiesta on line di visto su fatture firmate digitalmente.

Tempi
Viene rilasciato allo sportello dopo che l'Ufficio ha verificato la possibilità di vidimazione del documento.

Questo visto, che equivale ad un timbro, si può apporre:

  • nelle fatture/packing list/dichiarazioni inviate con richiesta on line

Costi
€ 3
diritti di segreteria.

Cos'è
Qualora il Paese di destinazione della merce lo richieda, sui documenti per l’esportazione (certificati d’origine, fatture…) può essere apposto il visto di legalizzazione di firma (ex visto UPICA) del funzionario della Camera di Commercio che ha sottoscritto l’attestazione.

Il visto consiste in una legalizzazione, da parte di un funzionario della Camera di Commercio, della firma apposta sui documenti per l'esportazione da altro funzionario della Camera di Commercio.

È una procedura richiesta da numerosi Consolati e Ambasciate estere in Italia, specialmente dei paesi arabi, per garantire l'autenticità della firma del funzionario camerale apposta sul documento (in genere un certificato di origine o una fattura con visto per l'estero) utilizzato per l'estero.

In alternativa alla legalizzazione da parte di Consolati e Ambasciate estere, per i documenti destinati a paesi firmatari della Convenzione Aia in alcuni casi è richiesto che sul documento sia apposta la legalizzazione della firma in Prefettura mediante Apostille.
Informazioni vedi sito Prefettura e del Ministero degli Affari Esteri.

Documentazione da presentare
Vanno presentati due originali firmati del documento da vidimare.
Una copia viene trattenuta dalla Camera di Commercio.

Tempi
Il documento legalizzato viene consegnato il giorno stesso.
Precisazione: presso gli Uffici di Arzignano, Bassano del Grappa e Schio non sempre il documento viene consegnato il giorno stesso perché la legalizzazione richiede la presenza contemporanea di due funzionari: fimatario e legalizzante.

Questo timbro si può apporre:

  • nelle richieste presentate allo sportello
  • nelle richieste online. In questo ultimo caso nella pagina di “dettaglio richiesta” va messa la spunta su “autentica”

Costi
€ 3 diritti di segreteria per ogni documento legalizzato.


Modulistica

Deposito firma per atti a valere per l'estero

Istanza poteri di firma

Contatti
Certificazione estero
VICENZA, Via Montale 27
[pianoterra - sportelli 2, 3 - uffici 0.10 - 0.11]
servizi rilasciati SOLO SU APPUNTAMENTO
ARZIGNANO, Via Achille Papa 28
[NO Carnet ATA]
servizi rilasciati SOLO SU APPUNTAMENTO
BASSANO DEL GRAPPA, Largo Parolini 5
servizi rilasciati SOLO SU APPUNTAMENTO
SCHIO, Via Lago di Lugano 17 
servizi rilasciati SOLO SU APPUNTAMENTO