condividi questa pagina
Condividi su Linkedin
Condividi su Google plus
Condividi su Twitter
Condividi su Facebook

Come diventare Agente e Rappresentante di commercio

Definizioni

L'agente di commercio è un'attività regolamentata dalla Legge 204/1985 e riservata ai soggetti in possesso dei requisiti morali e professionali.

Categorie:

  • Agenti di commercio colui che con il contratto di agenzia assume, stabilmente e verso retribuzione, l'incarico di promuovere contratti in una zona determinata (art. 1742 c.c.). L'agente opera in forma autonoma e a proprio rischio.
  • Agente e Rappresentante di commercio: colui che promuove la conclusione di contratti e ha anche il potere di concluderli in nome e per conto del soggetto (preponente) a favore del quale presta la propria opera.
  • Sub Agente di commercio: è un agente di commercio a tutti gli effetti; l'elemento caratterizzante è dato dall'impresa mandante che è anch'essa un agente di commercio.

Il Ruolo Agenti (RARC)  è stato abolito dal D.lgs. 59/2010. L'attuale disciplina è contenuta nel DM 26 ottobre 2011 che ha stabilito l'scrizione diretta dell'impresa nel Registro Imprese con contestuale presentazione del Modello ARC con SCIA, dichiarando i requisiti richiesti.

Requisiti personali 

  • avere compiuto 18 anni
  • essere cittadini italiani o di Stato dell'UE o cittadino extra UE con permesso di soggiorno

Requisiti morali (TUTTI- da dichiarare)

  • godere dell'esercizio dei diritti civili
  • non aver subito condanne per delitti contro la pubblica amministrazione, l’amministrazione della giustizia, la fede pubblica, l’economia pubblica, l’industria e il commercio, oppure per delitto di omicidio volontario, furto, rapina, estorsione, truffa, appropriazione indebita, ricettazione e per ogni altro delitto non colposo per il quale la legge disponga la pena della reclusione non inferiore, nel minimo a due anni e, nel massimo a cinque anni
  • non essere interdetti o inabilitati.
  • non essere stati dichiarati falliti, salvo l'avvenuta chiusura della procedura. NB: per le procedure aperte dal 15/07/2022 in base al  "Codice della crisi" (D.Lgs. n. 14/2019 e s.m.i.) i riferimenti normativi a "fallimento" devono intendersi come "liquidazione giudiziale". 

Requisiti professionali (almeno UNO  -da dichiarare)

  1. TITOLO di studio: avere conseguito il diploma di scuola secondaria di secondo grado ad indirizzo commerciale o la laurea in materie commerciali o giuridiche o altro titolo di studio idoneo. Vedi l'ELENCO dei titoli idonei nella sezione Documenti e link utili.
    NB: La Camera di Commercio non è competente per valutare diversi percorsi di studi o eventuali equipollenze dei titoli.

  2. CORSO: avere frequentato con esito positivo uno specifico Corso professionale riconosciuto dalla Regione. Per frequentare un Corso professionale in provincia di Vicenza consulta Enti di formazione riconosciuti dalla Regione Veneto
    La Camera di Commercio non è un ente di formazione pertanto non organizza questi corsi.

  3. LAVORO: avere operato nel settore del commercio/vendite in forma autonoma a) come impresa o b) come dipendente qualificato per almeno due anni nei cinque anni precedenti la SCIA . Per le qualifiche necessarie  vedi l' Allegato: "Lavoro: Livelli e Qualifiche"

NOTE al punto 3.

a) In caso di  soggetto avente una qualifica dalla quale si desumono le mansioni di addetto alle vendite: non è necessario dimostrare il livello contrattuale, è sufficiente dimostrare o autocertificare il possesso di tale qualifica 

b) L'attività di vendita/commercio come IMPRENDITORE o collaboratore familiare d'impresa è valida, ma non è prevista nella casistica del Modello ARC, per cui  bisogna compilare la sezione finale "note integrative" del Modello ARC, citando i dati (n.REA, p.iva o codice fiscale) dell'impresa dove si è titolari o amministratori. Non serve allegare  documenti se l'impresa  è attiva al RI per la vendita da almeno 2 anni negli ultimi 5.

c) L'attività d'impresa di "produzione" di beni implica l'attività di vendita, anche se non specificata.

d) L'attività di preposto alla vendita/commercio come dipendente o collaboratore familiare va dimostrata allegando alla pratica telematica (non via mail) la documentazione idonea (es- versamenti INPS, iscrizione Inail; in caso di inquadramenti contrattuali generici è possibile allegare documenti integrativi da cui risulti la qualifica o fare una dichiarazione sostitutiva di atto notorio del datore di lavoro). 

e) In caso di inzio attività di agente di commercio di oggetti preziosi, occorre richiedere e produrre con la SCIA anche l'autorizzazione della Questura  (si tratta di un'estensione all'agente dell'autorizzazione dell'impresa mandante). 

d) Attenzione: le sottoelencate attività non sono considerate abilitanti:

  • procacciatore d'affari (art. 2222 c.c.)  
  • contratto di lavoro a progetto (art. 61-69 D.lgs. 276/03)
  • apertura di sola partita IVA per libera professione (es. consulenti, prestazione di servizi, ecc.)
  • impresa con attività di servizi (es. amministrazione di condomini, agenzia di viaggi,  pulizie).

L'iscrizione avviene con modalità telematica da inviare al Registro Imprese, per istruzioni consulta:

  • Supporto Specialistico Registro Imprese, schede su agente di commercio
  • Guida ComUnica Starweb alla compilazione dell'iscrizione RI/REA dei soggetti abilitati all'attività di agente e rappresentante di commercio 
  • Istruzioni per invio semplificato di alcune pratiche (provvedimento Dirigente Area 1 n.33/2019) scaricabili nella sezione Documenti e link utili in fondo a questa pagina.

La SCIA Segnalazione Certificata Inizio Attività deve essere presentata alla Camera di Commercio della provincia:

  • di residenza o di domicilio professionale per la persona fisica
  • di ubicazione della sede legale o dell'unità locale per la società

SCIA: la data di inizio attività DEVE coincidere con la data di invio della pratica SCIA con le dichiarazioni, l'efficacia non può essere retroattiva. L'impresa che esercita l'attività in più sedi e/o unità locali presenta una SCIA per ciascuna di esse. Presso ogni sede e/o unità locale in cui si svolge l'attività, l'impresa nomina almeno un preposto in possesso dei requisiti per l'attività.

CODICI ATECO: l'agente ha diversi codici a disposizione per le merci che tratta (Codici Ateco 46.1..) , mentre riguardo i servizi, in non tutti i settori è prevista una classificazione ATECO 2007  specifica. Nel caso manchi, poichè non sarebbe, corretto usare un codice generico di vari prodotti (46.19),  si chiede di classificare l’attività, mantenendo il riferimento alla divisione dei codici Ateco di competenza, anche se occorre utilizzare un codice diverso (es.: intermediazione in noleggio auto = noleggio auto), specificando nella descrizione l'attività di agente di commercio.

PEC: l'impresa ha l'obbligo di comunicare l'indirizzo PEC Posta Elettronica Certificata univoca e di mantenerla ATTIVA.

Modello Ministeriale requisiti e Modello Antimafia

Il richiedente può iniziare l'attività solo se dichiara il possesso dei requisiti personali, morali e professionali compilando il Modello Ministeriale e allegando il Modello Antimafia alla pratica telematica ComUnica Starweb con lo stesso codice documento e apponendo la sua firma digitale o grafica con doppia firma (fac-simile nella sezione Documenti e link utili in fondo a questa pagina).

NB: In caso di autocertificazione Antimafia “Persona Giuridica” il legale rappresentante della persona giuridica fornisce la dichiarazione sostitutiva di iscrizione della società alla Camera di Commercio con indicazione dei nominativi dei componenti dell’organo amministrativo, del collegio sindacale, dell’organismo di vigilanza, dei procuratori, degli institori, del socio di maggioranza e del socio unico i quali dovranno essere, a loro volta, in possesso dei requisiti morali (art. 67 del Codice delle leggi Antimafia).

Nel quadro dei modelli telematici relativo all'attività dovrà essere specificato il settore merceologico (codice ATECO) nel quale il soggetto opera ovvero se opera in più settori senza prevalenza di alcuno.

 

Sono obbligatorie le iscrizioni ai ruoli INPS del terziario e alla Fondazione ENASARCO Ente Nazionale Assistenza per gli Esercenti e Rappresentanti di commercio ente di diritto privato, presso il quale si deve effettuare l'iscrizione al Fondo di previdenza e di assistenza integrativo dell'INPS.

MANDATO:  allegare copia del contratto di incarico come agente (mandato) firmato dall'impresa mandante (= impresa a favore della quale si esercita l'attività). Nel caso il documento originale sia in lingua straniera, va allegata anche la relativa traduzione giurata. Nel caso il mandato in forma scritta non sia disponibile, allegare  una dichiarazione firmata dal legale rappresentante o titolare dell'impresa mandante che sussiste un rapporto di mandato con l'agente che presenta la SCIA. 

Date di efficacia:  Se la data di firma del mandato è anteriore all'invio della pratica SCIA al Registro Imprese, è opportuno che vi sia inserita una clausola sospensiva degli effetti del contratto fino alla data di iscrizione/attivazione dell'agente al Registro Imprese, non potendo lo stesso operare legittimamente prima di essere iscritto al REA/Registro Imprese.

La stipula di nuovi o ulteriori mandati per lo stesso settore merceologico (stesso codice ATECO) anche con nuovi e diversi mandanti  non comporta necessità di invio di nuova pratica al Registro Imprese. Se invece cambia o si aggiunge un settore di merci o servizi, va mandata la pratica.

 

L'Agente o il rappresentante di commercio non può svolgere contestualmente

A) attività di mediazione (immobiliare/merceologica) ai sensi dell'art. 5 della Legge n. 204/1985

B) un'attività dipendente presso enti privati, associazioni od enti pubblici (esclusi i dipendenti pubblici autorizzati e in part-time al 50%).

NB: Il legale rappresentante di una società con attività di agente può essere dipendente della società stessa (Circ. Min. 2124/C del 22.05.1970). 

L' art. 13, par. 2, del Regolamento C.E. n. 883/2004 impone alla persona che esercita abitualmente un’attività lavorativa autonoma in due o più Stati membri la soggezione alla:

  • legislazione dello Stato membro di residenza, se esercita una parte sostanziale della sua attività in tale Stato membro;
  • legislazione dello Stato membro in cui si trova il centro di interessi delle sue attività, se non risiede in uno degli Stati membri nel quale esercita una parte sostanziale delle sue attività.

Nel caso l'agente di commercio, anche con mandante italiano, non risieda in Italia e abbia il centro degli interessi in un Paese estero, egli è soggetto alla normativa/tassazione estera e non si iscrive al Registro Imprese nè deve avere i requisiti degli agenti italiani.

L'obbligo di iscriversi al Registro Imprese come agente con  i requisiti previsti dalla legge 204/1985 sussiste quando si stabilisce la sede dell'impresa in Italia (normalmente per gli agenti coincide con la residenza) o se si apre un'unità locale di impresa con sede all'estero che ha in Italia  il centro degli interessi. Di conseguenza si applicherà la relativa normativa/tassazione, compreso l'obbligo di iscrizione all'Enasarco  (cfr. Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali -interpello n. 32/2013). 

Eventuali contratti e mandati esteri devono essere depositati con la traduzione in lingua italiana, con traduzione giurata.

Regole generali: la legale rappresentanza spetta, nel caso di società in nome collettivo a tutti i soci; nelle società in accomandita semplice a tutti i soci accomandatari; nelle Srl o SpA, a tutti gli amministratori. Nella SNC l’amministrazione e la rappresentanza spettano generalmente a ciascun socio in forma disgiunta. Sono ammessi i patti contrari e i soci, in sede di costituzione della società, possono decidere di scegliere un sistema di amministrazione congiunta sia per l’attività ordinaria che per la straordinaria, oppure disgiunta solo per l’ordinaria e congiunta per la straordinaria.
 
CASISTICHE:
 
A) SOCIETA' DI PERSONE: tutti gli amministratori devono avere i requisiti Se l’agente di commercio è l'UNICA attività esercitata dalla società e tutti i soci hanno uguali poteri. Salvo diverse previsioni statutarie, i requisiti per  l'esercizio dell'attività devono essere posseduti da TUTTI i legali rappresentanti,  amministratori delegati e preposti. 
 
SE vi sono più attività svolte (+ codici Ateco) svolte indifferentemente da TUTTI gli amministratori,  tutti sono obbligati a dichiarare il possesso dei requisiti con il Mod.ARC.  
  
 SE
 vi sono più attività svolte (+ codici Ateco) e l'attività di agente è svolta solo da un socio,  solo lui deve dichiarare i requisiti: allegare l'atto (es. verbale di assemblea) che delega l'attività all'agente.
 
B) SOCIETA' DI CAPITALI: I REQUISITI DEVONO ESSERE POSSEDUTI DAL LEGALE RAPPRESENTANTE, DALL'AMMINISTRATORE DELEGATO all'attività di agente, se nominato, e dagli eventuali ulteriori PREPOSTI all'attività di agente.
  
 
Rinnovo cariche sociali
 
Oltre alla pratica notarile di rinnovo cariche sociali (mod.S2), bisogna presentare contestualmente la SCIA con Modello ARC (mod. S5) per dichiarare i requisiti dei nuovi amministratori. In mancanza dei requisiti, l'attività di agente di commercio deve cessare (inibizione).
 
Cessazione dell'agente abilitato  
 
Se cessa l'unico socio-amministratore che possedeva i requisiti ISCRITTI al Registro Imprese e un altro socio ha titoli idonei, lo stesso può  chiedere di iscriversi come agente (con Mod. ARC e Antimafia) e subentrare nella carica, per cui l'attività di agenzia continua senza interruzioni. Se invece i nuovi soci o i soci rimasti non hanno i requisiti,  l'attività di agente deve cessare. 

Inibizione dell'attività

L'inibizione all'esercizio dell'attività di agente o rappresentante di commercio può avvenire nei seguenti casi:

  • per perdita di uno dei requisiti di onorabilità
  • nei casi di incompatibilità
  • quando intervenga un provvedimento di interdizione o inabilitazione
  • per decesso del titolare, se subentrano nell'attività soggetti senza requisiti (SCIA con Mod.ARC).

I provvedimenti di inibizione dell'attività sono annotati ed iscritti per estratto nella sezione REA del Registro Imprese
Avverso i provvedimenti inibitori di avvio o di prosecuzione dell'attività è ammesso ricorso gerarchico al Ministero dello sviluppo economico.

Sanzioni amministrative

Chiunque esercita l'attività di agente o rappresentante di commercio senza il possesso dei requisiti previsti dalla normativa è punito con la sanzione amministrativa da Euro 516,00 a Euro 2.065,00.
Alle medesime sanzioni sono soggetti i mandanti che stipulano un contratto di agenzia con persona non in possesso dei requisiti previsti dalla normativa.

Modulistica

Modello Ministeriale ARC

3.1 Modello Antimafia 1 "Impresa e Ausiliari"

3.2 Modello Antimafia 2 "Ausiliare dell'impresa"

3.3 Modello Antimafia 2 bis "Persona Giuridica"

Guide

Guida ComUnica Starweb relativa a pratiche agenti/mediatori/spedizionieri/mediatori marittimi (vers. 2.8 del 5.3.19)

Istruzioni per invio semplificato

Elenco titoli di studio idonei (agg.2022)

Requisito lavorativo- Livelli e qualifiche

Normativa

Legge 3 maggio 1985, n. 204

DM 21 agosto 1985

D.lgs 26 marzo 2010, n. 59

Parere MISE su impresa familiare

Parere MISE su agenzia di viaggi

Parere Mise su amministratori di società

Contatti
SUAP, fascicolo d'Impresa, procedure abilitative
VICENZA, Via Montale 27
[piano 3 - ufficio 3.04]
su appuntamento
PRENOTA IL TUO APPUNTAMENTO

NUMERO UNICO GRATUITO DI ASSISTENZA SUAP
tel. 06 64892892