condividi questa pagina
Condividi su Linkedin
Condividi su Google plus
Condividi su Twitter
Condividi su Facebook

Brevetti nazionali per invenzione industriale

Cos'è

Il brevetto è un titolo che conferisce al titolare un monopolio temporaneo di sfruttamento sull'oggetto del brevetto, che consiste nel diritto esclusivo di realizzarlo, di disporne e di farne oggetto di commercio, nonché di vietare a terzi di produrlo, usarlo, metterlo in commercio, venderlo o importarlo.

La brevettazione, disciplinata dal CPI Codice della Proprietà Industriale di cui al D.lgs 30/05 può avere ad oggetto:

  • invenzioni (artt. 45-81 octies CPI)
  • modelli di utilità (artt. 82-86 CPI)
  • nuove varietà vegetali (artt. 100-116 CPI)

L’invenzione industriale è una soluzione nuova innovativa in risposta a un problema tecnico, atta ad essere realizzata e applicata in campo industriale.

L’invenzione industriale può fare riferimento alla creazione di un congegno, prodotto, metodo o procedimento completamente nuovo o può semplicemente rappresentare un miglioramento di un dato prodotto o procedimento già esistente. La mera scoperta di qualcosa che già esiste in natura non può essere qualificata come un’invenzione.

Pertanto possono essere oggetto di brevetto le invenzioni nuove, che implicano un’attività inventiva e che sono atte ad avere un’applicazione industriale (oltre, ovviamente, a essere lecite, ovvero non contrarie all’ordine pubblico e al buon costume).

Novità
Secondo l’art. 46 CPI l’invenzione non deve essere già compresa nello stato della tecnica; ove per stato della tecnica si intende tutto ciò che è stato reso accessibile al pubblico, in Italia o all’estero, prima della data del deposito della domanda di brevetto mediante descrizione scritta od orale, una utilizzazione o un qualsiasi altro mezzo.

Attività inventiva
L’art. 48 CPI precisa che un’invenzione implica un’attività inventiva quando, per una persona esperta in quel particolare campo tecnologico, non risulta in modo evidente dallo stato della tecnica. Il requisito della non ovvietà intende assicurare che i brevetti siano concessi solo a risultati oggetto di un processo inventivo o creativo e non a processi che una persona, con ordinaria abilità nel campo tecnologico relativo, potrebbe facilmente dedurre da quanto già esiste.

Industrialità
Secondo l’art. 49 CPI, un’invenzione è considerata atta ad avere un’applicazione industriale se il suo oggetto può essere fabbricato o utilizzato in qualsiasi genere di industria, compresa quella agricola. Un’invenzione non può pertanto essere un semplice processo intellettuale, ma deve essere producibile, utile e in grado di generare effetti pratici. Per essere brevettabile, deve poter essere oggetto di utilizzazione industriale, ove il termine “industriale” è qui inteso nel suo più ampio significato, come un qualcosa di distinto dall’attività puramente estetica o speculativa.

L’invenzione industriale dura 20 anni a partire dalla data di pagamento con Modello F24.

Non è rinnovabile né prorogabile.

Il deposito può essere cartaceo oppure telematico.

Per il deposito cartaceo si può utilizzare UNA delle seguenti modalità:

  • invio (postale) della domanda di deposito e relativa documentazione necessaria c/o la sede della DGLC-UIBM in via Molise 19- Roma, allegando copia F24 del pagamento dei diritti dovuti.

Per il deposito telematico la modalità è la seguente:

  • tramite il portale UIBM previa registrazione e possesso di firma digitale.
    Con questa modalità l'interessato si rapporta direttamente con UIBM, pertanto non deve pagare i diritti di segreteria della Camera di Commercio di Vicenza.

Se si intende presentare la domanda presso la Camera di Commercio di Vicenza, è necessario depositare all’Ufficio Brevetti e Marchi:

  • Titolo e Riassunto senza disegni (1 copia)
  • Descrizione Tecnica (1 copia)
  • Rivendicazioni (1 copia)
  • se si tratta di prima domanda priva di rivendicazione di priorità, traduzione delle rivendicazioni in lingua inglese (una copia) necessaria ai fini della ricerca di anteriorità effettuata dall’EPO (Ufficio Europeo dei Brevetti). In mancanza della traduzione si devono pagare € 200 di diritti per la ricerca.
    La mancata presentazione della traduzione in lingua inglese delle rivendicazioni (una copia) e il mancato pagamento dei diritti è intesa come riserva di invio della traduzione. Detta riserva deve essere sciolta entro il termine di due mesi dal deposito della domanda di brevetto.
    Se entro detto termine non è prodotta la traduzione in lingua inglese delle rivendicazioni o la prova dell’integrazione dei diritti per la ricerca, l’UIBM assegna al richiedente il termine improrogabile di un mese per produrre la traduzione o effettuare l’integrazione.
    Scaduto detto termine, se non risulta pervenuta la traduzione o la prova del pagamento dell’integrazione, l’UIBM respinge la domanda (art. 8 DM 27 giugno 2008 MISE)
  • Disegni tecnici (1 copia)
    Ove con il deposito della domanda siano stati presentati una descrizione o disegni provvisori, l’esemplare definitivo depositato deve essere presentato entro due mesi
  • Designazione dell’inventore: l’inventore (sempre persona fisica) o gli inventori del trovato devono essere indicati sul modulo di domanda. È possibile, ma non necessario, produrre atto separato di designazione (art. 160 D.lgs. n. 30/2005)

Consulta le Istruzioni per il deposito di una domanda di brevetto per invenzione industriale

Diritti di segreteria da pagare alla Camera di Commercio di Vicenza allo sportello, in contanti o a mezzo POS, al momento del deposito:

  • € 40 per rilascio copia semplice del verbale di deposito
  • € 43 per rilascio copia autentica del verbale di deposito, se richiesta.

Marca da bollo
1 marca da bollo di € 16 da applicare su copia autentica del verbale di deposito, se è richiesta

Diritti di deposito
ll pagamento dei diritti di deposito, calcolato secondo la Tabella 1, deve avvenire esclusivamente con il Modello F24 “Versamenti con elementi identificativi”.
Al momento della presentazione della domanda sarà rilasciata una ricevuta ed un facsimile del Modello F24 con tutti i codici occorrenti per effettuare il versamento.

La data di deposito decorrerà dalla data dell'effettivo pagamento del Modello F24.

TABELLA 1 - Dirittti sui brevetti per invenzione industriale VALIDI PER I PRIMI 4 ANNI  Importi (euro)
Se descrizione, riassunto, rivendicazioni e tavole di disegno occupano in totale:  
 non più di 10 pagine  € 120
 un numero di pagine compreso tra 11 e 20 € 160
 un numero di pagine compreso tra 21 e 50  € 400
 più di 50 pagine  € 600
 Per ogni rivendicazione oltre la decima  € 45
 Per la ricerca (in assenza della traduzione delle rivendicazioni in lingua inglese)  € 200

Le spese di mantenimento di un brevetto (da intendersi come corresponsione dei diritti di mantenimento in vita del brevetto) devono essere regolarmente pagate

Se l’annualità non viene pagata nei termini il brevetto decade e con esso il diritto del titolare al suo utilizzo esclusivo.
Chiunque può provvedere al pagamento dell'annualità dovuta.
I pagamenti devono essere corrisposti tramite il modello F24 “versamenti con elementi identificativi”.

Il costo di ciascuna annualità cresce con il numero degli anni:

TABELLA 2 - Tassa per mantenere in vita il brevetto per INVENZIONE Importi (euro)
 Quinto anno € 60
 Sesto anno  € 90
 Settimo anno  € 120
 Ottavo anno  € 170
 Nono anno  € 200
 Decimo anno  € 230
 Undicesimo anno  € 310
 Dodicesimo anno  € 410
 Tredicesimo anno  € 530
 Quattordicesimo anno  € 600
 Quindicesimo anno e successivi fino al ventesimo  € 650
 Per pagamenti effettuati oltre la scadenza ed entro il semestre successivo è dovuto, in aggiunta alla tassa, il diritto di mora  € 100

CPI Codice della Proprietà Industriale D.lgs 10 febbraio 2005, n. 30

Contatti
Brevetti e Marchi
VICENZA, Via Montale 27
[piano 4 - ufficio 4.16]
apertura al pubblico per depositi
DM 25.09.1972
da lunedì a venerdì: 9-12

apertura al pubblico per informazioni
da lunedì a venerdì: 9-12.45
tel. 0444 994.888 - 994.855
fax: 0444 994.210
UIBM Ufficio Italiano Brevetti e Marchi
ROMA, Via Molise 19
[Ministero dello Sviluppo Economico
Dip. per l'impresa e l'internazionalizzazione
DG lotta contraffazione UIBM
Div. IX Servizi per l'utenza]
Call Center (informazioni)
Telefono 06 4705 5800

Help Desk (assistenza tecnica)
Telefono: 06 4705 5602