condividi questa pagina
Condividi su Linkedin
Condividi su Google plus
Condividi su Twitter
Condividi su Facebook

Strumenti di misura

Chi è il Titolare Metrico

Ogni Camera di Commercio gestisce l’Elenco dei Titolari Metrici dove vengono iscritti tutti coloro che utilizzano strumenti di misura nelle transazioni commerciali.

Risultano esclusi gli strumenti il cui valore della misura è utilizzato per fini diversi da quelli descritti sopra (es. apparecchi destinati ai processi produttivi a carattere interno o quelli utilizzati nei laboratori di ricerca).

DM 93/2017 definisce il "Titolare dello strumento/Titolare Metrico come "la persona fisica o giuridica titolare della proprietà dello strumento di misura o che, ad altro titolo, ha la responsabilità dell'attività di misura”.

Il Titolare Metrico ha i seguenti obblighi:

  • comunica entro 30 giorni alla Camera di Commercio della circoscrizione in cui lo strumento è in servizio la data di inizio/fine dell'utilizzo degli strumenti metrici (art. 9, c. 2 DM 93/2017)
  • mantiene l'integrità del contrassegno apposto in sede di verificazione periodica, nonché di ogni altro marchio, sigillo, anche di tipo elettronico, o elemento di protezione
  • cura l'integrità dei sigilli provvisori applicati dal riparatore
  • conserva il libretto metrologico ed eventuale ulteriore documentazione prescritta
  • cura il corretto funzionamento dei loro strumenti e non li utilizza quando sono palesemente difettosi o inaffidabili dal punto di vista metrologico.

Verificazione periodica affidata a Unioncamere nazionale

Gli strumenti metrici sono soggetti a Verificazione periodica che decorre dalla data di comunicazione di inizio/fine utilizzo dello strumento metrico o dalla data dell'ultima verificazione e varia a seconda della categoria dello strumento di misura, come elencato sotto in Tabella.

DM 93/2017 ha disposto che la verificazione periodica non venga più effettuata dagli Uffici Metrici delle Camere di Commercio ma dagli Organismi di verificazione periodica accreditati vedi Elenchi Organismi di verificazione periodica

I soggetti interessati devono rivolgersi agli Organismi accreditati.

Contatti Unioncamere - Servizio metrologia legale - tel: 06/4704327-257 | email: metrologia.legale@unioncamere.it

 categoria periodicità
Strumenti per pesare a funzionamento non automatico  3 anni
Strumenti per pesare a funzionamento automatico - selezionatrici ponderali per preconfezionati e etichettatrici  1 anno
Strumenti per pesare a funzionamento automatico - altre tipologie  2 anni
Sistemi di misura di carburanti  2 anni
Sistemi di misura di liquidi diversi dai carburanti e dall’acqua  2 anni
Misuratori massivi di gas metano per autotrazione  2 anni
Misure di capacità  4 anni
Pesi  4 anni
Contatori dell’acqua - Meccanici fino a 16 m3/h  10 anni
Contatori dell’acqua - Statici e venturimetrici oltre 16 m3/h  13 anni
Contatori del gas – a pareti deformabili  16 anni
Contatori del gas – a turbina e rotoidi  10 anni
Contatori del gas – altre tecnologie  8 anni
Dispositivi di conversione del volume - con sensori di temperatura e pressione sostituibili  2 anni
Dispositivi di conversione del volume - con sensori integrati  4 anni
Dispositivi di conversione del volume - approvati insieme ai contatori  8 anni
Indicatori di livello  2 anni
Tassametri  2 anni
Strumenti di misura della dimensione  3 anni
Contatori di calore con portata fino a 3 m3/h - con sensore di flusso meccanico  6 anni
Contatori di calore con portata fino a 3 m3/h - con sensore di flusso statico  9 anni
Contatori di calore con portata superiore a 3 m3/h - con sensore di flusso meccanico  5 anni
Contatori di calore con portata superiore a 3 m3/h - con sensore di flusso statico  8 anni
Contatori di energia elettrica attiva - elettromeccanici  18 anni
Contatori di energia elettrica attiva - statici bassa tensione (tra 50V e 1000V classe A B C)  15 anni
Contatori di energia elettrica attiva - statici alta tensione (oltre 1000 V)  10 anni
Strumenti di misura diversi da quelli riportati sopra  3 anni

Il titolare/legale rappresentante/delegato deve comunicare all'Ufficio Metrico - entro 30 giorni dalla data di inizio/fine utilizzo dello strumento metrico - l'installazione/dismissione degli strumenti metrici compilando:

scaricabili nella sezione Documenti e link utili in fondo a questa pagina da trasmettere con UNA delle seguenti modalità:

  • via PEC a: cameradicommercio@vi.legalmail.camcom.it
  • su appuntamento obbligatorio da prenotare alla pagina > PRENOTA IL TUO APPUNTAMENTO

La Camera di Commercio svolge l'attività di sorveglianza su:

  • strumenti metrici in uso verificando la conformità ed affidabilità nel tempo degli stessi e del rispetto delle disposizioni sulla verificazione periodica ed in materia di omologazione e marcatura CE
  • operato degli Organismi accreditati svolta presso gli utenti metrici e sugli strumenti da loro verificati.

Tutte le attività di sorveglianza descritte sono effettuate di norma presso le imprese ad intervalli casuali e senza preavviso.

I controlli vengono svolti in base a:
    • programmazione interna dell'ufficio (estrazione a campione o analisi delle criticità che emergono dalle scritture)
    • programmi di vigilanza a livello nazionale
    • attività programmate con altre Forze dell'ordine (Guardia di Finanza, Polizie Locali, ecc...);
    • esposto del cittadino.

Vengono riconosciute due diverse tipologie di prodotti messi a disposizione del consumatore già confezionati:

  • pre-imballaggi (CEE o nazionali).
  • pre-pesati.

I pre-imballaggi sono costituiti dall'insieme del prodotto e dell'imballaggio nel quale sono confezionati, chiusi in assenza dell'acquirente e preparati in modo che la quantità del prodotto in essi contenuta abbia un valore prefissato costante e non possa essere modificata senza aprire o alterare palesemente l'imballaggio stesso.

Le confezioni devono riportare obbligatoriamente alcune iscrizioni, indelebili e facilmente visibili e leggibili riguardanti il contenuto:
nel caso di pre-imballaggi CEE:

  • nome o marchio e indirizzo del fabbricante, del confezionatore o dell'importatore
  • indicazione quantità nominale contenuta nell'imballaggio seguita dall'unità di misura espressa con i simboli del sistema internazionale
  • marchio CEE, costituito dalla lettera minuscola "e", avente l'altezza minima di 3 mm

nel caso di pre-imballaggii nazionali:

  • indicazione quantità nominale contenuta nell'imballaggio seguita dall'unità di misura espressa con i simboli del sistema internazionale
  • indicazione del lotto, cioè l'insieme degli imballaggi preconfezionati della stessa quantità nominale, dello stesso modello e della stessa fabbricazione, riempiti nello stesso luogo.

I prodotti alimentari devono riportare inoltre tutte le informazioni previste dal REGOLAMENTO (UE) N. 1169/2011 sull'etichettatura.

I pre-pesati sono quei prodotti pre-incartati il cui peso differisce da confezione a confezione: viene preparato e imballato in assenza dell'acquirente, ma il valore del contenuto non è prefissato all'origine bensì è variabile e l'involucro spesso non viene distrutto aprendo la confezione. L'operazione di incarto del pre-pesato generalmente avviene nello stesso punto vendita (per esempio le confezioni di alimentari freschi in vendita in molti esercizi commerciali).

I prodotti pre-incartati devono riportare sulla confezione le seguenti iscrizioni riguardanti il contenuto ed il prezzo:

  •  indicazione del contenuto effettivo seguita dall'unità di misura
  •  indicazione della tara applicata
  •  prezzo unitario
  •  importo da pagare

Il consumatore, prima dell'effettuazione dell’acquisto di un prodotto pre-incartato, può chiedere l'apertura della confezione ai fini della verifica del peso netto indicato. In tal caso non può rifiutare l'acquisto del prodotto, ma se viene riscontrata una differenza fra il peso netto indicato e quello effettivo, il prezzo da pagare deve essere variato di conseguenza. (art. 3 comma 2, DM 21.12.1984).

In quanto prodotti alimentari devono riportare tutte le informazioni eventualmente previste dal REGOLAMENTO (UE) N. 1169/2011 sull'etichettatura.

Questo tipo di verificazione, prevista dal DPR 12 Agosto 1982 n. 798, detta "Prima" o “CE” a seconda delle modalità con cui lo strumento viene omologato, viene eseguita, presso i fabbricanti, prima della commercializzazione degli strumenti, per accertare la conformità del prodotto al progetto approvato.

La verificazione "Prima/CE" interessa esclusivamente i fabbricanti di strumenti metrici.

Sia il regime nazionale sia quello comunitario prevedono la delega dei controlli al termine della produzione e preliminari all'immissione nel mercato; in questi casi il fabbricante risulta direttamente responsabile degli strumenti costruiti, appone lui i bolli di verifica o la marcatura CE sotto la supervisione della Camera di Commercio o dell'Organismo Notificato. La Camera di Commercio o l'Organismo Notificato non si occupano più del controllo del singolo strumento prodotto ma verificano l'operato del fabbricante e le sue modalità di produzione. Tale controllo viene esercitato mediante verifiche presso la sede del costruttore al fine di analizzare il sistema di garanzia della produzione e l'insieme dei controlli che viene attuato nei confronti degli strumenti prima che vengano immessi nel mercato e tramite controlli in campo per verificare gli strumenti una volta messi in servizio.

Gli interessati possono prendere contatto con l'Ufficio (vedi CONTATTI) per le modalità di avvio del procedimento.

Ogni strumento metrico ad omologazione nazionale, prima di essere prodotto ed introdotto sul mercato, deve essere ammesso alla Verificazione metrica, come da decreto di approvazione del Ministero dello Sviluppo Economico.
L’istanza di ammissione a verificazione metrica nazionale deve essere rivolta al Ministero dello Sviluppo Economico – Dipartimento per l’impresa e l’internazionalizzazione - D.G. per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica – Divisione VIII – Strumenti di misura e metalli preziosi (art. 7 R.D. n. 226 del 12/06/1902 – D.M. 10/5/1988, D.M. 28/3/2000 n. 179) tramite l’Ufficio Metrico.

Gli interessati possono prendere contatto con l'Ufficio (vedi CONTATTI) per le modalità di avvio del procedimento.

Se ho una bilancia, o ne acquisto una di nuova che utilizzo per vendere dei prodotti, cosa devo fare?


Se ho una bilancia, o ne acquisto una di nuova, che utilizzo per vendere dei prodotti, cosa devo fare?
La bilancia deve risultare oggetto di verificazione periodica non scaduta, cioè nella bilancia ci deve essere una etichetta di scadenza di verificazione periodica (etichetta quadrata verde di lato pari a 4 cm). La verificazione periodica va richiesta agli Organismi di verificazione periodica accreditati elencati nel sito di Unioncamere: www.metrologialegale.unioncamere.it

torna su

Modulistica

Comunicazione installazione/dismissione strumenti metrici (mod. 1.1)

Guide

sito Unioncamere nazionale - Metrologia legale

Contatti
Metrologia legale
VICENZA, Via Montale 27
[piano 4 - ufficio 4.13]
su appuntamento
PRENOTA IL TUO APPUNTAMENTO

Ufficio Metrico prenderà tempestivamente in carico le richieste ricevute via e-mail e contatterà telefonicamente gli utenti che lo richiedono nelle fasce orarie telefoniche indicate sotto.