condividi questa pagina
Condividi su Linkedin
Condividi su Google plus
Condividi su Twitter
Condividi su Facebook

Sistema di controllo della Tracciabilità dei Rifiuti (SISTRI): soppresso dal 1 gennaio 2019

Dal 1 gennaio 2019 il SISTRI è stato SOPPRESSO.

L’art. 6 del Decreto-legge 14 dicembre 2018, n. 135 prevede:

(comma 1) che dal 1° gennaio 2019 è soppresso:

  • SISTRI Sistema di controllo della Tracciabilità dei Rifiuti
  • obbligo di pagamento del contributo annuale per il SISTRI


(comma 3) che dal 1° gennaio 2019, in attesa che il Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare definisca e renda operativo un nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti, “i soggetti di cui agli articoli 188-bis e 188-ter del D.lgs. 152/2006 devono garantire la tracciabilita' dei rifiuti” effettuando gli adempimenti:

  • con le modalità cartacee (registro di carico e scarico, formulario di trasporto dei rifiuti e modello unico di dichiarazione ambientale) di cui agli articoli 188, 189, 190 e 193 del medesimo decreto nel testo previgente alle modifiche apportate dal D.lgs. 205/2010,
  • con la possibilità di compilazione e tenuta di formulari e registri di carico e scarico in “formato digitale” (previste all'articolo 194-bis, del D.lgs. 205/2010);


(comma 3) che dal 1° gennaio 2019:

  • continuano ad applicarsi le sanzioni nel caso di violazione degli obblighi di comunicazione, di tenuta dei registri obbligatori e dei formulari previste dall’articolo 258 del D.lgs. 152/2006, nel testo previgente alle modifiche apportate dal D.lgs. 205/201.


Clicca qui per andare al testo dell’art. 6 del Decreto-legge 14 dicembre 2018, n. 135 “Disposizioni urgenti in materia di sostegno e semplificazione per le imprese e per la pubblica amministrazione”, pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 290 del 14 dicembre 2018.