condividi questa pagina
Condividi su Linkedin
Condividi su Google plus
Condividi su Twitter
Condividi su Facebook

la casella PEC diventa DOMICILIO DIGITALE: obbligo comunicazione entro il 1° ottobre per tutte le imprese che non hanno già comunicato la casella PEC al Registro Imprese

la mancata iscrizione al Registro Imprese del domicilio digitale comporta l’applicazione di sanzioni pecuniarie

Entro il 1 ottobre 2020 tutte le imprese iscritte al Registro delle Imprese:

  • Società
  • Imprese individuali (soltanto se attive e non soggette a procedura concorsuale)

che non hanno ancora comunicato al Registro delle Imprese il proprio indirizzo PEC (ora domicilio digitale), o il cui domicilio digitale sia stato cancellato d'ufficio, o per le quali il proprio domicilio digitale, seppur dichiarato, sia inattivo, dovranno regolarizzare la propria posizione con comunicazione al Registro delle Imprese competente per territorio, in esenzione dall'imposta di bollo e dai diritti di segreteria.

È quanto prevede l'art. 37 del Decreto Legge 16 luglio 2020, n. 76, convertito in Legge 11 settembre 2020, n. 120, recante “Misure urgenti per la semplificazione e l'innovazione digitale” (c.d. Decreto Semplificazioni) al fine di portare a termine il processo di digitalizzazione nei rapporti tra le pubbliche amministrazioni, le imprese ed i professionisti.

La mancata comunicazione comporta l'assegnazione d'ufficio di un nuovo e diverso domicilio digitale e una sanzione amministrativa come previsto dall'art. 2630 del codice civile, in misura raddoppiata per le società (cioè da 206 a 2.064 euro; se si paga entro 60 giorni dalla contestazione della violazione l'importo è di 412 euro), e come indicato dall’art. 2194 del codice civile, in misura triplicata per le imprese individuali (cioè da 30 a 1.548 euro, se si paga entro 60 giorni dalla contestazione della violazione l'importo è di 60 euro ).

Le imprese sono invitate a:

  1. verificare il corretto funzionamento del proprio domicilio digitale (ex PEC)

  2. controllare la corretta iscrizione del domicilio digitale (ex PEC) al Registro Imprese

  3. in mancanza di un domicilio digitale (ex PEC) attivo richiederlo ad un gestore autorizzato  (vedi elenco ) e comunicarlo al Registro Imprese tramite la procedura semplificata e totalmente gratuita “Pratica Semplice - iscrizione PEC” disponibile online al seguente indirizzo web: https://ipec-registroimprese.infocamere.it/ipec/do/Welcome.action

  • Consultare una visura aggiornata dell’impresa, scaricabile gratuitamente dal cassetto digitale dell'imprenditore (si accede con SPID o CNS) 

  • ricercare l’impresa sul sito www.registroimprese.it (ricercare con nome impresa) e cliccare su: “non sono un robot” in corrispondenza del campo PEC

Le imprese hanno l'obbligo di comunicare al Registro Imprese il domicilio digitale (ex PEC) univoca della società o dell'impresa individuale.
La comunicazione avviene esclusivamente in modalità telematica firmata digitalmente dal titolare/legale rappresentante che deve possedere la firma digitale CNS (smart card o chiavetta Token USB) e non prevede alcun onere in diritti, bolli e tariffe.
L'invio della pratica avviene con pratica ComUnica o dal sito www.registroimprese.it > Pratiche Semplici > Iscrivere la PEC