condividi questa pagina
Condividi su Linkedin
Condividi su Google plus
Condividi su Twitter
Condividi su Facebook

Come diventare Spedizionieri

Definizione

Lo spedizioniere svolge abitualmente attività di spedizione per terra, mare e aria, obbligandosi di provvedere in nome o per conto del committente, alla stipulazione del contratto di trasporto col vettore, al compimento della spedizione ed alle operazioni accessorie.

Il contratto di spedizione è un mandato col quale lo spedizioniere assume l'obbligo di concludere in nome proprio e per conto del mandante, un contratto di trasporto e di compiere le operazioni accessorie (art. 1737 c.c.).

Tutti coloro che, come impresa individuale o società, intendono svolgere l'attività di spedizioniere, devono essere in possesso dei requisiti stabiliti dalla L. 14/11/1941, n. 1442 e dall'art. 76 D.lgs. 26/3/2010 n. 59.

L'Elenco interprovinciale spedizionieri è stato SOPPRESSO (art. 76 D.lgs 59/2010).

La Camera di Commercio di Verona era competente alla tenuta dell'elenco interprovinciale degli spedizionieri delle province di Verona, Vicenza e Mantova.

Requisiti personali (TUTTI)

  • avere compiuto 18 anni
  • essere cittadini italiani, di Stato dell'UE o extra UE con permesso di soggiorno
  • se impresa individuale, risiedere - o aver eletto domicilio- in provincia di Vicenza
  • se società, avere la sede legale in provincia di Vicenza

Requisiti morali (TUTTI)

  • godere dell'esercizio dei diritti civili
  • non aver subito condanne per delitti contro la pubblica amministrazione, l’amministrazione della giustizia, la fede pubblica, l’economia pubblica, l’industria e il commercio, oppure per delitto di omicidio volontario, furto, rapina, estorsione, truffa, appropriazione indebita, ricettazione e per ogni altro delitto non colposo per il quale la legge disponga la pena della reclusione non inferiore, nel minimo a due anni e, nel massimo a cinque anni
  • non essere stati dichiarati interdetti o inabilitati.

Requisiti professionali (almeno UNO)

  • diploma di istruzione secondaria di secondo grado in materie commerciali
  • diploma universitario o laurea in materie giuridico-economiche
  • periodo di esperienza professionale qualificata in imprese del settore e nello specifico campo di attività per almeno due anni anche non continuativi nel corso dei cinque anni antecedenti alla data di presentazione della SCIA, comprovato da idonea documentazione (art. 6, comma 4, L. n. 1442/1941).

Requisiti finanziari

  • cauzione: € 258,00 in titoli di stato o garantiti dallo stato o in denaro o titoli al portatore (nei due ultimi casi il deposito deve avvenire presso la Tesoreria Provinciale dello Stato - Banca d’Italia)
  • capacità finanziaria: il limite minimo  di euro 100.000,00 da dimostrare:
    per le società per azioni, società a responsabilità limitata, società in accomandita semplice, società in nome collettivo: dall’ammontare del capitale sociale interamente sottoscritto e versato oppure dall’ammontare del totale dei conferimenti [se questo fosse inferiore a euro 100.000,00 deve essere integrato fino al limite minimo previsto, con fideiussioni rilasciate da compagnie di assicurazione (polizza fideiussoria) o da aziende di credito (fideiussione bancaria)1 ]
  • per le imprese individuali e le società cooperative: dal possesso di immobili, da un deposito vincolato in denaro o titoli, da garanzie fideiussorie (polizza fidejussoria o fideiussione bancaria1).

____________________________________
1 polizza fideiussoria o fideiussione bancaria: le polizze fideiussorie possono essere rilasciate solo dalle imprese di assicurazioni autorizzate all’esercizio del ramo cauzioni ai sensi della legge 10 giugno 82 n.348, art. 1, lett. c.  Nei contratti di fideiussione bancaria o di assicurazione devono essere indicati:

  • ente garantito: Camera di Commercio di Vicenza
  • causale della garanzia:  la garanzia, rilasciata a copertura di eventuali inadempimenti alle disposizioni della legge 1442 del 14.11.1941, s’intende esclusivamente nell’interesse di beneficiari terzi che dovessero subire pregiudizi patrimoniali ed economici in conseguenza di inadempienze di natura professionale in cui lo spedizioniere contraente incorresse nello svolgimento dell’attività
  • somma garantita: fino  al raggiungimento del limite minimo previsto.

I requisiti di idoneità, previsti dalla legge, devono essere posseduti:

  • dai legali rappresentanti e dai preposti allo svolgimento dell’attività di spedizioniere (requisiti morali e professionali)
  • dai soggetti non dotati del potere di rappresentanza (requisiti morali).

Il possesso dei requisiti di onorabilità e/o di professionalità è attestato con la firma da parte del titolare dell’impresa individuale o del legale rappresentante di società (o di diverso ente)  o del preposto nella sezione “Requisiti” del modello “Spedizionieri”.

Nel caso di più sedi operative (unità locali), l'impresa deve presentare una SCIA con Modello Spedizionieri per ogni sede operativa.

Presso ogni sede o unità locale in cui si svolge l'attività, l'impresa deve nominare almeno un preposto (ex responsabile tecnico) in possesso dei requisiti morali e professionali idonei allo svolgimento dell'attività.

Dal 2012 chi intende iniziare l'attività di spedizioniere deve presentare pratica telematica SCIA al Registro Imprese della Camera di Commercio dove è la sede legale dell'impresa.

In Comunica-Starweb sono disponibili il Modello ministeriale "Spedizionieri" cod. C38 (vedere il fac-simile nella sezione Documenti e link utili in fondo a questa pagina).

Per istruzioni di compilazione consulta la Guida ComUnica Starweb alla compilazione dell'iscrizione RI/REA dei soggetti abilitati all'attività di agente e rappresentante di commercio, agente d'affari in mediazione , mediatore marittimo e spedizioniere (scaricabile nella sezione Documenti e link utili riportata sotto).

Dichiarazione Antimafia

La "dichiarazione antimafia (d.lgs 159/2011 Codice delle leggi Antimafia)" è richiesta ad integrazione del Modello Ministeriale e deve essere allegata alla pratica telematica ComUnica con lo stesso codice documento del modulo ministeriale.

Pertanto, il titolare di impresa individuale o il legale rappresentante della società che compilano la sezione SCIA o la sezione Modifiche del Modello devono compilare, firmare  e allegare alla pratica telematica anche le autocertificazioni contenute nella modulistica  Antimafia (scaricabile nella sezione Documenti in link utili riportata sotto).

In caso di autocertificazione resa con il Modello Antimafia “Persona Giuridica” il legale rappresentante della persona giuridica fornisce la dichiarazione sostitutiva di iscrizione della società alla Camera di Commercio con indicazione dei nominativi dei componenti dell’organo amministrativo, del collegio sindacale, dell’organismo di vigilanza, dei procuratori, degli institori, del socio di maggioranza e del socio unico i quali dovranno essere, a loro volta, in possesso dei requisiti morali (art. 67 del Codice delle leggi Antimafia).
 
Tassa di Concessione Governativa NON dovuta

La Camera di Commercio recepisce quanto disposto dall'Agenzia delle Entrate e non richiede più il versamento della TCG per l'inizio dell'attività.
L'Agenzia delle Entrate, in risposta ad un interpello, ha stabilito che "la  tassa di concessione governativa di cui all'art. 22, punto 8, della tariffa annessa al DPR n. 641 del 1972 (pari a € 168,00) NON è dovuta in caso di  presentazione al registro delle imprese di una Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) perché il presupposto per il suo pagamento non sorge quando dalla SCIA stessa non scaturisca alcuna iscrizione in un albo elenco o registro che risulti abilitante per l'esercizio dell'attività".

​Non sono spedizionieri:

Agenzia d'affari di spedizione e trasporti: svolge attività di trasporto intermediato, ossia mette in contatto chi vuol spedire della merce con chi deve fare il trasporto. A differenza del trasportatore non possiedono camion, navi o altri mezzi di trasporto, ma stipulano con il cliente un contratto di intermediazione per spedizione merce e per eseguirlo possono stipulare a loro volta un contratto con un trasportatore in possesso dei mezzi.

Autotrasporto per conto terzi: l'autotrasportatore è proprietario o dipendente di un'impresa proprietaria dei mezzi di trasporto; è iscritto in apposito Albo e conclude contratti di trasporto che esegue direttamente.

Per maggiori informazioni sull'Albo Autotrasportatori vedere nel sito della Motorizzazione civile di Vicenza e del Ministero dei Trasporti.

Se l'impresa è artigiana, deve iscriversi anche all'AIA-Albo Imprese Artigiane.

L'impresa deve essere in possesso dei requisiti di adeguata capacità finanziaria, comprovati da un capitale sociale sottoscritto e versato di almeno 100.000 euro; nel caso di Società a responsabilità limitata, Società in accomandita semplice, Società in nome collettivo, occorre accertare, attraverso l'esame dell'atto costitutivo e delle eventuali modificazioni, l'ammontare del capitale sociale realmente sottoscritto e versato, e, qualora sia inferiore ai 100.000. euro, richiedere prestazioni integrative fino alla concorrenza del limite di cui sopra, che possono consistere in fideiussioni rilasciate da compagnie di assicurazione o da aziende di credito. Per le imprese individuali e le società cooperative l'adeguata capacità finanziaria è comprovata o dal possesso di immobili o da un deposito vincolato in denaro o titoli, nonché mediante le suddette garanzie fidejussorie e in ogni caso, per importo globale non inferiore alla cifra più volte richiamata (art. 6, comma 3, L. n. 1442/1941, come modificato dall'art. 14, comma 2, D.Lgs. n. 147/2012).

Chi cessa l'attività di spedizioniere deve indicare nel Riquadro "Note" della pratica telematica di cessazione dell'attività di spedizioni la richiesta alla Camera di Commercio di "svincolo della fideiussione/polizza fideiussoria attivata nr. (inserire dati) con la restituzione del titolo alla PEC o all'indirizzo dell'impresa".

PRECISAZIONI

  • Chi era in attività prima del 2012 deve presentare la richiesta di svincolo del titolo con PEC o racc. a.r. alla Camera di Commercio di Verona, che era competente alla tenuta dell'ex Albo interprovinciale degli spedizionieri delle province di Verona, Vicenza e Mantova
  • Chi ha iniziato l'attività dal 2012, con deposito in forma telematica al Registro Imprese di Vicenza del titolo in allegato alla SCIA, presenta la richiesta di svincolo dello stesso alla Camera di Commercio di Vicenza.

La Camera di Commercio provvede entro 30 giorni dalla richiesta al provvedimento di svincolo, firmato dal Conservatore del Registro Imprese.

Gli spedizionieri che contravvengono alle norme che disciplinano la loro attività sono sottoposti, in base alla gravità dell'infrazione, a procedimento disciplinare.

Lo spedizioniere è soggetto alle seguenti sanzioni disciplinari:

  • censura
  • pagamento di una somma fino a un massimo di L. 10.000 (ora pari a € 5,16)
  • sospensione dell'attività per un periodo non superiore a sei mesi
  • inibizione perpetua dell'attività

I provvedimenti disciplinari di inibizione dell'esercizio dell'attività sono annotati ed iscritti per estratto nel REA Repertorio Economico Amministrativo.

Modulistica

Modulo ministeriale C38 - Spedizionieri

3.1 Modello Antimafia 1 "Impresa e Ausiliari"

3.2 Modello Antimafia 2 "Ausiliare dell'impresa"

3.3 Modello Antimafia 2 bis "Persona Giuridica"

Normativa

DM 26 ottobre 2011- Spedizionieri

Guide

Guida ComUnica Starweb alla compilazione iscrizione RI/REA di spedizioniere (vers. 2.6 feb2014)

Contatti
Abilitazioni direttiva servizi
VICENZA, Via Montale 27
[ex Albi e Ruoli]
[piano 3 - uffici 3.03, 3.04]
apertura al pubblico
da lunedì a venerdì: 9-12.45

sportello telefonico
da lun a ven: 10-12