Vai ai contenuti


link al sito della Borsa Immobiliare di Vicenza
Dal 15 settembre NUOVE MODALITĄ di rilascio dei Certificati di Origine e altri Visti per l'estero
IMPORTANTE!

Dal 15 settembre CERTIFICAZIONE ESTERO

1. Nuove modalità di erogazione del servizio

Dal 15 settembre 2017 saranno introdotte nuove modalità di erogazione del servizio dell'Ufficio Certificazione Estero dando un deciso impulso alle richieste on-line di rilascio dei Certificati di Origine e altri Visti per l'estero.

Sono obbligati a chiedere il rilascio di Certificati Certificati dI Origine e altri Visti per l’estero con richiesta on line:
  • le imprese che nel corso del 2017 hanno chiesto il rilascio di più di 15 certificati di origine
  • le imprese che chiedono un certificato di origine con più di 10 fornitori (anche se il numero di certificati di origine chiesti nel corso del 2017 è inferiore a 16).
La richiesta on line può essere effettuata dalle imprese con il programma gratuito fornito da Infocamere denominato Cert'ò.
È possibile scaricare la Presentazione del programma alla pagina: www.vi.camcom.it/a_166_IT_710_1.html
Le richieste on-line possono essere inviate dalle ore 8 alle ore 21 dal lunedì al venerdì e dalle ore 8 alle ore 13 del sabato.
Con il programma Cert'ò il pagamento dei diritti di segreteria è effettuato on-line.

Devono prenotare un appuntamento dal sito internet della Camera di Commercio > PRENOTA IL TUO APPUNTAMENTO
  • le imprese che chiedono fino a 15 certificati di origine nel corso del 2017 e altri visti per l’estero, anche senza contestuale richiesta di certificato di origine. Si precisa che queste mprese hanno comunque la facoltà di utilizzare la richiesta on line.
  • le imprese che chiedono il rilascio di Carnet ATA.
Dal 15 settembre 2017, inoltre:
>> NON sarà più possibile presentarsi allo sportello SENZA APPUNTAMENTO presso TUTTE le sedi della Camera di Commercio (Vicenza, Arzignano, Bassano, Schio)
>> gli utenti dell'Ufficio Certificazione Estero della sede di VICENZA NON dovranno più utilizzare il totem per il rilascio dei biglietti numerici.

L'appuntamento può essere prenotato fino alle ore 8.50 dello stesso giorno (es. prenoto l'appuntamento alle ore 9 di giovedì 29 giugno - posso effettuare tale prenotazione entro le ore 8.50 di giovedì 29 giugno).

2. Istruzioni sui documenti da presentare per le richieste on line e altri casi particolari

Documentazione da allegare a prova dell'origine della merce
Merce di origine italiana
(paragrafo 1 o 2): sul retro della richiesta di rilascio vanno scritte la denominazione e la P.IVA/C.F. della o delle imprese produttrici, con indicazione del numero e della data della fattura di acquisto. Se il fornitore è commerciante, va allegata dichiarazione di origine rilasciata dall'impresa che ha venduto la merce o fattura di acquisto con indicazione dell’origine.
Merce di origine comunitaria
(paragrafo 1 o 2): va allegata dichiarazione di origine rilasciata dall'impresa che ha venduto la merce oppure fattura di acquisto con indicazione dell’origine.
Merce estera
(paragrafo 3):
Caso 1: merce acquistata direttamente da produttore/fornitore estero. Va allegata scansione della bolla di importazione. Sul retro della richiesta vanno scritti: paese estero di origine, numero e data bolla di importazione, numero e data della fattura di acquisto.
Caso 2: merce acquistata da altro fornitore italiano o comunitario. Va allegata la dichiarazione del fornitore dalla quale risulti il paese di origine oppure fattura di acquisto con indicazione dell’origine.

Esportazione di merce che si trova fuori dal territorio italiano
Nel caso in cui la merce si trovi fuori dal territorio italiano e sia quindi necessario presentare l'originale del certificato di origine rilasciato dal paese nel quale la merce si trova, va allegato il modulo accluso alla presente mail. 

Certificato di origine su parziale di fattura
Quando è chiesto il rilascio del certificato di origine su una parte della merce descritta nella fattura di esportazione, la richiesta va specificata nello spazio “Annotazioni”. In questo caso va allegata anche una packing list per la verifica dei colli e dei pesi parziali.

Richiesta di fattura vidimata da Camera di commercio e firmata con firma autografa del legale rappresentante/procuratore dell'impresa
Se il cliente estero chiede che la fattura di esportazione sia vidimata dalla Camera di Commercio e anche firmata con firma autografa del legale rappresentante/procuratore dell'impresa, nello spazio “Annotazioni” va scritto che la fattura, una volta stampata e vidimata dalla Camera di Commercio, sarà firmata con firma autografa del legale rappresentante/procuratore dell'impresa.
In questo caso l'ufficio Certificazione estero apporrà un timbro istanza poteri di firma dopo aver verificato, mediante visura, i poteri del firmatario. Detto timbro contiene il nome e il cognome del soggetto che apporrà la firma autografa e la denominazione dell’impresa.
Pertanto è necessario che il soggetto che ha firmato digitalmente la fattura sia anche il soggetto che apporrà la sua firma autografa sul documento vidimato dalla Camera di Commercio.

Richiesta vidimazione di documenti diversi da certificati di origine/fatture/packing list
Se l'impresa chiede la vidimazione di documenti quali dichiarazioni proprie, contratti con clienti esteri, letter of authorization e altri, la richiesta va inviata sempre utilizzando il programma Cert'ò, funzione “Richiesta visti, autorizzazioni, copie certificato”.
Il modello base di richiesta va firmato digitalmente e va allegato il documento di cui si chiede la vidimazione.

Comunicazioni con la Camera di Commercio relative alle pratiche on line
Si chiede cortesemente di inviare tutte le richieste utilizzando lo spazio “Annotazioni” in modo che rimanga traccia delle comunicazioni intercorse tra l'impresa e la Camera di commercio. La medesima richiesta si ripete per quanto riguarda le richieste di rettifiche.

Tempi massimi di erogazione del servizio e modalità di consegna

Richiesta dell'impresa
on line entro le ore 9
 
Consegna all'impresa
tramite corriere entro...
Lunedì >> Mercoledì
Martedì >> Giovedì
Mercoledì >> Venerdì
Giovedì >> Lunedì
Venerdì >> Martedì
La richiesta presentata dopo le ore 9 si considera presentata il giorno successivo.

Le imprese possono usufruire della consegna gratuita (prevista fino al 31/12/2018) del certificato presso la sede della propria impresa tramite corriere. In questo caso nel programma Cert'ò va messa la spunta su “invio postale”.
L’impresa sarà a conoscenza della disponibilità del certificato in tempo reale in quanto riceverà una notifica di chiusura della pratica (inviata via mail), non appena il certificato sarà stato evaso dall'ufficio Certificazione estero.
La consegna tramite corriere permette alle imprese di non spostarsi dalla propria sede per consegnare e ricevere i documenti, riducendo di fatto i costi ed eliminando il tempo di attesa allo sportello fisico.

3. Ritiro pratiche e gestione delle urgenze on line

Ritiro pratiche allo sportello

Nel caso in cui l’utente scelga di ritirare la pratica allo sportello, senza utilizzare il corriere della Camera di Commercio, si chiede che i ritiri siano effettuati nelle seguenti fasce orarie:
RITIRO pratiche nelle seguenti fasce orarie
da lunedì a venerdì 9–9.15  e  12.30–12.45

Non è necessario l'appuntamento. Esigenze di ritiro in fasce orarie diverse saranno valutate dall'ufficio.
Per ritirare la pratica è necessario presentare copia della email di evasione della pratica o altro documento che garantisca alla Camera la consegna della stessa al soggetto legittimato a riceverla.

Dal 1° settembre 2017, alle imprese a cui nel 2017 sono già stati rilasciati più di 15 certificati di origine non saranno rilasciati altri moduli cartacei per i certificati di origine.

Gestione delle richieste di urgenza di rilascio di certificati di origine
Ciascuna impresa ha diritto di ottenere il rilascio urgente di un numero di certificati di origine fino al 20% del totale dei certificati rilasciati nell'anno 2016 (percentuale calcolata in frazione di mese). Le richieste di urgenza con Cert’ò potranno essere inserite dal 15 settembre 2017, inserendo una spunta su “pratica urgente”. Questa opzione si trova nella pagina in cui si effettua la richiesta  del numero di copie e dei visti. L’impresa potrà visualizzare la lista delle richieste urgenti già inviate nel corso dell'anno e il numero di richieste urgenti cui ha ancora diritto nella suddetta pagina.
La richiesta urgente va inviata entro le ore 9. Essa è lavorata la mattina stessa e consegnata allo sportello, al quale è stata inviata, dalle ore 12.30 alle 12.45 dello stesso giorno.

4. Corsi di formazione
Sono previsti i seguenti ulteriori corsi di formazione Cert'ò per le imprese:
date 2017
orari sede iscrizioni on line
lunedì 25 settembre 9.30-12 Vicenza, via Montale 27 clicca QUI per compilare
MODULO DI REGISTRAZIONE on line
martedì 3 ottobre 9.30-12 Schio, Via Lago di Lugano 17 clicca QUI per compilare
MODULO DI REGISTRAZIONE on line


5. Certificati di origine e altri Visti per l'estero
5.1. Documenti da allegare e documenti da firmare digitalmente per il rilascio dei certificati di origine e altri visti per l'estero
Vanno allegati alla richiesta gli stessi documenti che attualmente si portano allo sportello.
Con riferimento al retro della richiesta di certificato di origine (attuale foglio rosa) si chiede di indicare i dati dei produttori/fornitori nel secondo paragrafo (merce che ha subito lavorazione o trasformazione sostanziale).
Gli elenchi dei fornitori devono riportare denominazione e partita IVA.
Il modello base (ossia il certificato di origine) e la fattura/e al cliente estero devono essere firmati digitalmente dal legale rappresentante o procuratore che chiede il rilascio del certificato di origine.
Non è necessario firmare digitalmente gli altri documenti allegati alla pratica.
Tuttavia, se tutti i documenti allegati sono firmati digitalmente, la pratica è ugualmente accettata.

5.2. Errori che determinano rettifica o respingimento della richiesta di rilascio dei certificati di origine
Il programma Cert'ò consente la messa in rettifica della pratica in caso di mancanza di documenti o errori non gravi.
In questi casi l'ufficio Certificazione estero mette in rettifica la pratica chiedendo il documento mancante oppure l'autorizzazione a correggere il modello base che contiene l'errore.
Qualsiasi correzione del modello base (certificato di origine) sarà apportata dall'ufficio Certificazione estero dopo autorizzazione dell'impresa richiedente.
Si precisa che:
  • non si possono correggere gli errori che riguardano lo speditore (casella 1) e il paese di origine (casella 3 e, per origini multiple, casella 6).
  • si possono correggere gli errori di battitura in casella 4, 5, 7. In casella 2 si possono correggere errori di battitura oppure la mancata indicazione del paese estero per esteso.

I seguenti casi sono riportati a puro titolo esemplificativo:


Elenco degli errori che possono essere corretti mediante rettifica:
  • casella 2: indicazione del paese estero con la sola sigla (es. UAE anziché Emirati Arabi uniti)
  • casella 4 e 5: indicazione di dati che risultano diversi in fattura
  • casella 7: indicazione di pesi diversi da quelli che risultano in fattura oppure netto indicato come lordo e/o viceversa.
La pratica è messa in rettifica ed è dato all'impresa il termine di 8 giorni per rettificarla. Decorso inutilmente questo termine, la pratica è respinta.

Errori a causa dei quali la pratica è respinta:
  • casella 1: denominazione dell'impresa diversa da quella che risulta al registro imprese
  • casella 2: denominazione del cliente estero diversa da quella che risulta in fattura
  • casella 3: come detto, gli errori in questa casella non possono essere corretti
  • casella 6: gli errori in questa casella non possono essere corretti. Es: indicazione della merce generica o insufficiente o non coincidente con quanto indicato in fattura. Mancata specificazione dei paesi di origine di ogni articolo quando in casella 3 vi siano più paesi di origine.
In questi casi la pratica va inviata nuovamente dopo averla corretta secondo le indicazioni dell'Ufficio Certificati Commercio estero.

5.3. Casi particolari
Saranno valutate dall'Ufficio particolari necessità delle imprese determinate da richieste del cliente estero: a puro titolo esemplificativo, vidimazione di fatture nelle quali il cliente estero richieda il timbro e la firma autografa del legale rappresentante dell'impresa o vidimazione di listini prezzi particolarmente voluminosi (numero di pagine superiore a 20).

Le imprese dovranno chiedere un appuntamento al seguente indirizzo mail:
estero.certificazioni@vi.camcom.it

Se è richiesto il visto del documento presso le sedi distaccate, le imprese dovranno chiedere un appuntamento ai seguenti indirizzi mail:
arzignano@vi.camcom.it
bassanodelgrappa@vi.camcom.it
schio@vi.camcom.it

6. Carnet ATA
La domanda di carnet ATA, la lista sintetica e analitica delle merci possono essere anticipate tramite e-mail agli uffici di Vicenza, Bassano del Grappa e Schio scaricando i file e seguendo le indicazioni contenute nella pagina: www.vi.camcom.it/a_ITA_1795_1.html.
In questo modo si possono abbreviare i tempi di permanenza allo sportello poiché i controlli delle liste e dei dati dell'impresa vengono fatti nel retrosportello.
Come detto, i carnet sono rilasciati SOLO SU APPUNTAMENTO.
Possono prendere appuntamento le imprese che chiedono il rilascio di carnet ATA, fino al numero massimo di 2.

Le imprese che chiedono più di 2 carnet ATA devono chiedere un appuntamento al seguente indirizzo mail:
estero.certificazioni@vi.camcom.it (per i carnet ATA chiesti a Vicenza)
bassanodelgrappa@vi.camcom.it (per i carnet ATA chiesti a Bassano del Grappa)
schio@vi.camcom.it (per i carnet ATA chiesti a Schio).

7. Attestati di libera vendita

La richiesta di rilascio va fatta all'indirizzo mail estero.certificazioni@vi.camcom.it
La richiesta può essere scaricata dalla pagina: www.vi.camcom.it/a_166_IT_712_1.html
Non occorre inviare richiesta tramite PEC.
Per ulteriori informazioni sulle modalità di erogazione del servizio di rilascio dei certificati di origine e altri visti per l'estero consultare la pagina:
www.vi.camcom.it/a_159_IT_628_1.html o inviare una mail a: estero.certificazioni@vi.camcom.it.

download documentiDOCUMENTI SCARICABILI
Ultimo aggiornamento: 18/09/2017

CONTATTI
Certificazione Estero
VICENZA, Via Montale 27
[pianoterra - sportelli 2, 3]

servizi rilasciati SOLO SU APPUNTAMENTO

tel. 0444 994.815 - 994.830 - 994.832
fax: 0444 994.248
e-mail: estero.certificazioni@vi.camcom.it
Sede: Via Montale 27 - 36100 Vicenza - centralino 0444 994.811 - fax 0444 994.834
P. IVA 00521440248 - Cod. Fisc. 80000330243 - Codice univoco ufficio da inserire nelle fatture elettroniche indirizzate alla Camera di Commercio di Vicenza: V5TAU9
Per orari apertura, contatti telefonici, inviare e-mail agli Uffici vai alla pagina: Sedi, orari, telefoni
Per inviare alla Camera una e-mail con "valore legale di una lettera raccomandata con ricevuta di ritorno" scrivi alla casella PEC Posta Elettronica Certificata: cameradicommercio@vi.legalmail.camcom.it
torna all inzio della paginaTorna su
Valid XHTML 1.0 TransitionalValid CSS!