Vai ai contenuti


link al sito della Borsa Immobiliare di Vicenza
Cos'è un protesto, Ufficio Protesti: attività e servizi
Cos'è un protesto
Il protesto è un atto autentico con cui il Pubblico Ufficiale autorizzato constata la mancata accettazione di una tratta o il mancato pagamento di una cambiale o di un assegno.
Le Camere di Commercio provvedono alla pubblicazione dei protesti mediante il Registro Informatico dei Protesti (REPR) istituito con L. 15.11.1995, n. 480, secondo le norme contenute nel Regolamento di cui al Decreto MAP 9.8.2000, n. 316. 
Tale Registro contiene i protesti non cancellati, per 5 anni dalla data della loro pubblicazione (art. 11, Decreto MAP 9.8.2000, n. 316) è accessibile al pubblico consultando il sito: www.registroimprese.it oppure presso l'Ufficio Protesti.

Ufficio Protesti: attività e servizi
  • ricezione degli Elenchi contenenti i nominativi protestati dai pubblici ufficiali levatori (notai, segretari comunali, ufficiali giudiziari, Stanza di compensazione della Banca d'Italia). Gli elenchi mensili dei protesti (dal 27 del mese precedente al 26 del mese di riferimento) levati dai pubblici ufficiali operanti in provincia sono trasmessi per via telematica all'Ufficio Protesti il giorno feriale successivo alla fine di ogni mese. Entro 10 giorni l'Ufficio Protesti inserisce nel Registro Informatico dei Protesti gli elenchi pervenuti.
  • pubblicazione nel Registro Informatico dei nominativi protestati. Nel Registro sono iscritti i dati relativi ai protesti per mancato pagamento di cambiali, vaglia cambiari, assegni bancari, nonché le dichiarazioni emesse dalle Stanze di compensazione.
  • ricezione delle domande di cancellazione dal Registro Informatico dei Protesti (da dicembre 2000) e all’esecuzione dei provvedimenti conseguenti.
Se non interviene alcuna cancellazione le notizie del Registro Informatico dei Protesti sono conservate per 5 anni dalla data di registrazione (art. 4, c. 1 L. 235/00).
La Camera di Commercio di Vicenza ha competenza solo per i protesti levati da Ufficiali Levatori nella provincia di Vicenza, per protesti levati al di fuori della provincia è necessario rivolgersi alla Camera di Commercio competente per territorio.

Le richieste devono essere presentate SOLO all'Ufficio Protesti della Camera di Commercio di Vicenza [vd. CONTATTI] e NON agli Uffici staccati

Modulistica
Clicca qui per: Modulistica > Protesti

ATTENZIONE!

Per verificare il grado di affidabilità dei propri clienti, prima di concedere o meno un finanziamento, le banche o gli istituti finanziari possono consultare le:
- Centrali Rischi Pubbliche (Centrale Rischi Banca d’Italia, CAI*, Registro Informatico dei Protesti)
- Centrali Rischi Private dette SIC (Sistemi di Informazioni Creditizia) es. Crif Spa di Bologna, Experian Spa di Roma, CTC Consorzio per la Tutela del Credito di Milano, ASSILEA Associazione Italiana Leasing di Roma).
Dal 2005 le "Centrali Rischi Private" sono regolamentate dal “Codice deontologico per le Centrali Rischi Private” che prevede, tra l’altro, all’art. 8 la possibilità di accesso ai dati e all’art. 6 i tempi di conservazione dei dati.
Nel caso di richiesta di finanziamento si ha diritto a ricevere il modulo informativa, ossia un prospetto che contenga:
a) la tipologia dei dati registrati
b) quale SIC conserverà questi dati
c) quali istituti finanziari vi potranno accedere
d) quali sono i diritti del consumatore per conoscere ed eventualmente modificare o cancellare i propri dati registrati nel SIC e le modalita’ per cancellarli.

SOLO PER ASSEGNI

Il CAI* Centrale Allarme Interbancaria raccoglie i dati relativi agli assegni bancari, postali e carte di pagamento.
  • Nel caso di assegni emessi in mancanza di fondi è possibile evitare l'iscrizione al CAI effettuando il pagamento tardivo entro 60 gg. dalla data di scadenza del termine di presentazione dell'assegno (8 o 15 gg).
  • La prova del pagamento deve essere fornita alla Banca trattaria e al Pubblico Ufficiale che ha levato il protesto. In questo modo si evitano le sanzioni amministrative di competenza della Prefettura del luogo di pagamento dell'assegno (L. 386/90).
Non si evita in ogni caso la pubblicazione del protesto.

USURA

I Consorzi Fidi sono organismi impegnati nell’azione di prevenzione del fenomeno dell’usura, ai quali ci si può rivolgere per poter usufruire dei contributi del Ministero per la prevenzione dell'usura.

_____________________
Normativa

L. 12/02/55 n. 77 (pubblicazione degli Elenchi dei protesti cambiari)
L. 12/06/73 n. 349 (modifiche alle norme sui protesti delle cambiali e degli assegni bancari)
art. 17 L. 7/03/96 n. 108 (Riabilitazione)
DM 9/08/00 n. 316 (Regolamento recante le modalità di attuazione del Registro Informatico dei Protesti)
L. 18/08/00 n. 235 (nuove norme in materia di cancellazione dagli elenchi dei protesti cambiari)
Circolare MAP n. 3512 del 30/04/01 (elenco causali rifiuto pagamento assegni bancari ed elenco motivi rifiuto pagamento vagli cambiari e tratte accettate)
Regolamento applicazione L. 235/00 per la cancellazione dal Registro Informatico dei Protesti ed Annotazione (approvato con delibera Giunta camerale n. 308/2001)
art. 45 L. 12/12/02 n. 273 (modifiche alle norme sulla cambiale e sui protesti cambiari)
D.Lgs 30/06/2003 n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali.

Il titolare del trattamento è il Presidente della Camera di Commercio di Vicenza e il responsabile del trattamento è il Dirigente di settore.

Ultimo aggiornamento: 17/02/2015

CONTATTI
Protesti
Via Montale 27 - Vicenza
[pianoterra - stanza 0.09]

apertura al pubblico
lunedì, mercoledì, venerdì: 9-12.45
martedì e giovedì: 9-12.45 / 14.45-16

sportello telefonico
da lun a ven: 11.30-12.30

tel. 0444 994.858
fax: 0444 994.248
e-mail: protesti@vi.camcom.it
Sede: Via Montale 27 - 36100 Vicenza - centralino 0444 994.811 - fax 0444 994.834
P. IVA 00521440248 - Cod. Fisc. 80000330243 - Codice univoco ufficio da inserire nelle fatture elettroniche indirizzate alla Camera di Commercio di Vicenza: V5TAU9
Per orari apertura, contatti telefonici, inviare e-mail agli Uffici vai alla pagina: Sedi, orari, telefoni
Per inviare alla Camera una e-mail con "valore legale di una lettera raccomandata con ricevuta di ritorno" scrivi alla casella PEC Posta Elettronica Certificata: cameradicommercio@vi.legalmail.camcom.it
torna all inzio della paginaTorna su
Valid XHTML 1.0 TransitionalValid CSS!